,

INDIVIDUO – LA DIFESA CONTROTENDENZA parte II

La pratica che caratterizza INDIVIDUO si basa sulla fusione tra sport da combattimento, sistemi da strada e arti marziali interne.
Ho appreso nel corso degl’anni che si deve prima imparare a combattere e poi si può pensare alla difesa personale, non può avvenire il contrario.

Ho praticato Krav Maga per molto tempo e con grandi esponenti del settore, ciononostante lungo il mio percorso di apprendimento e per le mie ambizioni, non è mai bastato studiare solo tecniche da strada.
Ciò che il Krav Maga mi ha lasciato è sicuramente il pensare fuori dalle regole sportive per cercare l’elemento sorpresa, anche se non credo molto alle tecniche di disarmo da coltello, pistola e bastone.
Il resto del mio bagalio tecnico deriva dallo sport: boxe, kick boxing, lotta, grappling e soprattutto MMA. Il tempismo e la combattività si sviluppano con la pratica negli sport da contatto, mentre i sistemi di difesa non lo possono proprio trasmettere. Se si tratta di scambiare colpi, anziché giocare d’astuzia, serve esperienza diretta e ore di sparring alle spalle.

Queste “discipline” sono la base della mia formazione marziale e durante gli anni di pratica, studiandole ed insegnandole, lentamente il mio corpo e il mio istinto hanno cancellato lo spazio mentale che le rendeva separate e ho iniziato a vedere uno scenario più ampio che io ora chiamo INDIVIDUO. Nella sola improvvisazione riconosco espressione libera mentre tutto il resto lo considero studio.
Il mio pensiero quotidianamente si modifica e analizza il combattimento in forma libera senza regole, senza ristrettezze e senza schemi prefissati, affinando ciò che ritengo utile, che può essere inteso anche come la somma di tutte le conoscenze e degli automatismi maturati sull’argomento.
Il risultato è una lotta atta a rendere inerme in ogni modo e con ogni mezzo il “nemico”.
Per fortuna questa brutale sintesi, che pur ha bisogno di conoscenza profonda, ha a che fare unicamente con l’aspetto esteriore di INDIVIDUO.
La consapevolezza è l’aspetto interiore, ciò che rende ogni cosa sensata, ogni aspetto giustificabile e ogni allenamento un momento di crescita.
Senza una filosofia, senza sostanziose fondamenta e senza etica morale, tutto potrebbe sfociare in violenza ingiustificabile o vanità.
Nelle ore di INDIVIDUO non si cerca confronto diretto, ma l’analisi e il “sentire”, nonostante l’obbiettivo sia quello di trovare la forza necessaria per vincere uno scontro.
La conoscenza entra in profondità abbandonando il bisogno di considerare la violenza; quando si annulla il bisogno di affermarsi sugl’altri scompare il bisogno di combattere.
Tuttavia bisogna sapersi proteggere perchè, seppur l’obbiettivo non sia generare altra violenza, è obbligatorio non subirla inermi. Questa è la sintesi di ciò che io intendo come difesa personale.
Addestrarsi non per vincere, né per combattere, ma per non doverlo mai fare. Essere pronti non significa doverlo fare, significa saperlo fare.
Sapersi difendere in maniera effeciente equivale a vivere in pace, la guerra non ha equilibrio né vincenti, lascia solo dolore, sia essa rivolta ad altri o a sé stessi.
Le ore di allenamento di INDIVIDUO si basano sullo studio di sé stessi.
Ciò che l’addestramento al combattimento ci consente di fare è proprio imparare a conoscerci.
Sperimentando, improvvisando si cerca di adattare i movimenti appresi alla circostanza momento dopo momento. Il bisogno di sperimentare deve essere sempre stimolato anche se fosse solo per gioco.
Secondo alcune culture antiche la “via” del combattimento rappresenta una primordiale strada per scoprire sé stessi. Imparare a combattere ci aiuta a sentirci più sicuri; esiste un vecchio detto, che in molti conoscono, e dice: “se vuoi la pace preparati a combattere” (si vis pacem para bellum).
La preparazione necessaria per combattere, e questo lo sport lo insegna bene, si basa unicamente sul sacrificio, che apparentemente sembra solo sofferenza inutile, ma che in realtà rende migliori.
Ogni sacrificio ci rende fieri di noi stessi. L’avversario nello sport non è mai il nemico, ma un metro di misura, una figura di massimo rispetto grazie alla quale ci è possibile imparare sperimentando.
Questo pensiero di rispetto verso il nemico, che nasce con i Samurai è ciò che io ritengo necessario per progredire.